Prodi a Novara: ”Nessuna ripresa finchè c’è gente che non ha soldi per mangiare”

Siro Lombardini con Romano Prodi (1996)

(Il Sole 24 Ore Radiocor) – Novara, 13 ottobre – “Se non diamo potere d’acquisto alle categorie che lo hanno perso non ci sara’ alcuna ripresa ma in questo momento non c’e’ in Europa alcun leader di grande Paese che voglia rendersi conto di questo”. Lo ha affermato l’ex premier ed ex Presidente della Commissione Ue, Romano Prodi, intervenendo a un convegno a Novara per ricordare Siro Lombardini. “L’Europa ha delle potenzialita’ fantastiche – ha proseguito Prodi – ma senza una leadership politica che si renda conto del vantaggio collettivo che puo’ derivare non si andra’ da alcuna parte”. Prodi ha spiegato che “dagli anni Ottanta a oggi abbiamo avuto una sorta di ‘dottrina del mercato assoluto‘, che ha avuto tra le sue conseguenze una caduta della distribuzione del reddito”. La conseguenza e’ stata una “mancanza del reddito per far campare la gente”.

Mau (RADIOCOR) 13-10-14 20:29:25 (0708) 5

Ue: Prodi, a Bruxelles c’e’ controllo tedesco, ai miei tempi non c’era

(Il Sole 24 Ore Radiocor) – Novara, 13 ott – “A Bruxelles c’e’ un controllo da parte della Germania che ai miei tempi non c’era”. Lo ha sottolineato l’ex presidente della Commissione Ue, Romano Prodi, intervenendo a un convegno per ricordare la figura di Siro Lombardini. “Nella nuova commissione – ha aggiunto – i posti chiavi sono assegnati a membri vicini alla Germania, dal Lussemburgo alla Polonia”. E l’estrazione territoriale conta piu’ della famiglia politica: “Non c’e’ differenza fra socialisti e popolari – ha detto riferendosi all’orientamento dei Paesi nordici – per tutti loro la solidarieta’ vuol dire dare soldi a dei cialtroni che poi siamo noi”. Prodi ha voluto sottolineare la differenza rispetto alla Germania di Helmut Kohl secondo cui l’euro era fondamentale per dare una prospettiva ai giovani.

Mau (RADIOCOR) 13-10-14 20:41:26 (0713) 5

Prodi: «Oggi Lombardini non sarebbe contento di questa Europa»

(Il Venerdì Tribuna) Novara, 13 ottobre 2014 – A un anno dalla scomparsa (avvenuta il 25 ottobre del 2013), la figura di Siro Lombardini è stata ricordata oggi, lunedì, nell’ambito di un incontro che ha visto tra i protagonisti anche il presidente della Regione Piemonte Sergio Chiamparino e l’ex premier Romano Prodi.

Economista, docente, ministro, scrittore: tutto questo e anche più è stato Lombardini, che ha guidato l’allora Banca Popolare di Novara alla fusione con la Popolare di Verona, nucleo fondante di quello che è ora il Banco Popolare.

Lo ha ricordato portando i suoi saluti proprio il sindaco di Novara, Andrea Ballarè: «Averlo a Novara è stato un dono di cui dobbiamo ringraziare la Banca popolare».

Lombardini resta un personaggio di grande attualità e infatti i relatori hanno cercato di immaginare come si sarebbe comportato oggi, di fronte alla crisi economica.

«Sono stato allievo di Lombardini – ha ricordato, per esempio, Sergio Chiamparino – che fu anche controrelatore alla mia tesi di laurea sulla curva di Phillips. Ebbene, ho ancora ben impresso in mente quello che mi disse: “al centro dell’economia ci sono le persone e non le merci”. Forse sarebbe bello se se lo ricordassero quanti oggi debbono combattere le sfide improbe che abbiamo davanti».

Ma è stato soprattutto l’ex Premier Romano Prodi (anch’egli allievo di Lombardini, così pure come il Sindaco Ballarè) a sottolineare come «oggi si troverebbe molto male, perché aveva ben chiaro il concetto di solidarietà europea, di uguale dignità tra Paesi, di un’Europa soprattutto sociale e attenta alla redistribuzione reddito: concetti che negli ultimi anni paiono dimenticati».

«Oggi – ha aggiunto Prodi – Lombardini si impegnerebbe per la giustizia sociale, per  la redistribuzione reddito contro il mercato incontrollato. Negli ultimi tre anni ci si è accorti che con la dottrina liberista assoluta la divaricazione reddituale si è accentuata in Usa come in Europa ma anche come in India e Cina. “Ma cosa abbiamo fatto?” direbbe oggi; perché abbiamo lasciato che il mondo si divaricasse così tanto, perché diventasse scontato il fatto per cui chi parla di tasse perde le elezioni, perché abbiamo all’estremo la dottrina che fa mancare il reddito per far mangiare la gente».

Questo appuntamento dedicato a “Siro Lombardini, l’uomo dal multiforme ingegno”, organizzato da Fondazione Banca Popolare e Banco Popolare è stato un evento molto partecipato, tant’è che il Teatro Coccia non è riuscito a contenere quanti avevano chiesto di poter assistere. E così è stato allestito il Borsa, dove tutti hanno potuto assistere in video allo sviluppo del convegno.

Print Friendly
Condividi!

Dati dell'intervento

Data
Categoria
ottobre 14, 2014
Notizie