Senza criminalità ed evasione fiscale ce la giocheremmo alla pari

Ue: Prodi, a farci diversi criminalita’ ed evasione fiscale

(ASCA) – Perugia, 9 lug – ”Le cose che ci fanno diversi dagli altri paesi europei sono due: la criminalita’ e l’evasione fiscale, per il resto ce la giochiamo”. Se ne e’ detto convinto Romano Prodi che ha tenuto nel pomeriggio una lectio magistralis all’Universita’ per Stranieri di Perugia incentrata sul rapporto tra l’Italia e la compagine politica ed economica europea, con riferimento alle nuove forme di globalizzazione finanziaria e ai loro effetti sull’eurozona.

Davanti ad una platea attenta, composta da rappresentanti delle istituzioni, docenti universitari ed anche osservatori politici che hanno ricevuto l’impressione che quello di Prodi fosse un discorso piu’ politico che cattedratico, quasi il preludio ad una nuova stagione di impegno per il Paese, l’ex Premier ha insistito ”dobbiamo affrontare queste diversita’ e mi auguro che possiamo farlo in fretta”. ”Il nostro Paese – ha anche aggiunto – non e’ peggiore di altri Paesi europei; c’e’ il problema del debito pubblico, quando siamo entrati nell’euro era al 121%, io lo avevo portato al 114% e, con la politica della formichina avrei potuto farlo scendere ancora all’80 se non al 60%, ora e’ di nuovo al 121%”.

pg/red/ss

Crisi: Prodi, dissoluzione euro sarebbe marcia indietro

(ASCA) – Perugia, 9 lug – ”La dissoluzione dell’euro sarebbe una marcia indietro per tutti i Paesi dell’UE”. E’ quanto ha affermato, tra l’altro, l’ex Premier Romano prodi a Perugia, durante la lectio magistralis pronunciata all’Universita’ per Stranieri, istituzione capace di tessere, secondo la definizione data da lui stesso ”un filo con il resto del mondo; uno di pochi”. Le conseguenze, ha aggiunto, sarebbero negative anche per la Germania, in quanto non sarebbe esente dal rischio svalutazione che influenzerebbe la bilancia commerciale. ”Nella riunione della scorsa settimana – ha riconosciuto – sono stati fatti passi avanti, come l’approvazione dello scudo antispread, ma non e’ sufficiente.

Per cambiare le cose – ha ribadito – rovesciando le aspettative di speculazione e’ necessario che la BCE abbia la stessa sovranita’ che ha la Federal reserve, oltre a creare Eurobond capaci di resistere agli attacchi della speculazione”.

pg/red/ss

Print Friendly
Condividi!

Dati dell'intervento

Data
Categoria
luglio 9, 2012
Notizie