Oggi la Germania è la vera Cina del mondo

CRISI: PRODI, NESSUNO PUO’ FARCELA DA SOLO, NEPPURE GERMANIA

(ANSA) – Torino, 11 aprile – In Europa “nessun singolo Paese ce la può fare da solo, il cluster industriale che fa grande la Germania comprende tutti i Paesi europei”. Lo ha detto Romano Prodi, a margine di un incontro al campus universitario di Torino sul tema del “Progetto Erasmus”, in risposta a una domanda sul rischio-contagio che verrebbe dall’Italia.

L’ex premier e presidente della Commissione Europea ha invitato a guardare cosa succede in Asia: “i grandi cluster, Cina, Giappone e Corea, litigano tra di loro ma poi, quando succede il terremoto in Giappone, si chiudono le fabbriche in Cina. O assumiamo – ha aggiunto, riparlando dell’Europa – una dimensione ed una politica europea, oppure, accadrà tra dieci anni o venti o trenta, ma finiremo male. Certo – ha aggiunto – che la Germania sia il Paese economicamente più forte è un dato di fatto, non c’è più l’equilibrio tra Francia e Germania”.

“Oggi – ha concluso – la Germania non ha bisogno di legittimazione dalla Francia, però non ha nemmeno la forza economica per essere da sola protagonista della globalizzazione mondiale. E quindi è interesse di tutti andare insieme”.

Anche nell’intervento davanti a studenti e docenti, Prodi aveva parlato del futuro della Ue: “Sono convintissimo che l’Europa non si spaccherà: gli ultimi che lo vogliono sono proprio i tedeschi. Oggi – ha aggiunto – la Germania è la vera Cina del mondo, giocano ad arrivare fino al confine ma poi si fermano”.

BOT 11-APR-13 17:35

Print Friendly, PDF & Email
Condividi!

Dati dell'intervento

Data
Categoria
aprile 11, 2013
Notizie