Cercare i terroristi fra gli scafisti e non fra i migranti

Uff. stampa Prodi: stravolte parole presidente su Ue e immigrati
Terrorismo si sconfigge con accordo delle grandi potenze

Roma, 18 mar. (askanews) – Le parole pronunciate da Romano Prodi sono state “strumentalizzate” e “stravolte” da Libero. Lo dice l’ufficio stampa dell’ex premier. “Sono evidenti la strumentalizzazione e lo stravolgimento del senso delle parole, pronunciate ieri a Mosca, dal Presidente Romano Prodi e riportate oggi su Libero, a pag 13, nell’articolo dal titolo ‘Erdogan tiene sotto scacco il vertice europeo’ di Andrea Morigi”.

“Il presidente Prodi – si legge nella nota – ha da sempre sostenuto che il fenomeno del terrorismo è una grave minaccia alla vita di migliaia di persone costrette, anche per questo, all’abbandono dei propri paesi e territori”. “Da sempre sostiene, come ha ripetuto anche ieri, che una vera lotta contro il terrorismo la si può vincere solo con l’accordo di tutte le grandi potenze: Usa, Unione europea, Cina e Russia.

Non ha mai sostenuto che sui barconi carichi di migranti si possano trasferire in Europa cellule terroristiche, ma ha invece più volte messo in connessione il legame tra gli scafisti e il terrorismo richiamando l’attenzione sulla necessità di sottrarre le vittime di guerre e conflitti da questo traffico di vite umane.”

Print Friendly
Condividi!

Dati dell'intervento

Data
Categoria
marzo 18, 2016
Notizie