Perché in Siria si bombardano le città e non i pozzi di petrolio?

Prodi: “Bombardiamo i pozzi di petrolio dell’Isis”

Intervista a Romano Prodi su Il Fatto Quotidiano del 23 novembre 2015

Intervenendo a margine di un convegno a Reggio Emilia, l’ex presidente del Consiglio Romano Prodi ha commentato la crisi siriana e l’ipotesi di un intervento armato italiano e ha spiegato ai microfoni de ‘Il Fatto Quotidiano’: “C’è una cosa che resta difficile da capire: perché in Siria si bombardino le città e non i pozzi di petrolio, visto che tutti sanno dove sono e come si chiamano”. L’ex premier ha aggiunto: “Il problema è quello di isolare l’Isis”.

L’opinione di Prodi è molto simile a quella espressa nei giorni scorsi da un altro ex presidente del Consiglio, Giuliano Amato, secondo il quale il problema è il petrolio: “Se noi arriviamo ad avere il coraggio di fare la scelta di rinunciarvi si essicca il finanziamento dell’attuale terrorismo”, erano state le parole del giudice costituzionale. Prodi ha proseguito: “I mezzi militari devono venire assolutamente dopo. C’è un fatto nuovo ed è una speranza: si trovano adesso Hollande, Putin, Obama e Rohani, qualcosa se lo diranno pure per mettere apposto le cose”.

“Io in questi giorni” – ha detto ancora Prodi – “non dico che sono un po’ più ottimista, perché non è vero. Sono però speranzoso, perché i dialoghi fra la Russia e gli Stati Uniti sono cominciati, la Francia e la Russia dialogano, l’Iran si rimette un poco in gioco. Adesso con un minimo di spinta in più potremmo forse assediare davvero l’Isis

Print Friendly
Condividi!

Dati dell'intervento

Data
Categoria
novembre 23, 2015
Interviste