Sahel: Ban Ki Moon annuncia nuova missione ONU con Prodi

Il segretario Generale delle Nazioni Unite, Ban Ki Moon, ha annunciato una nuova missione coordinata dalle Nazioni Unite con l’obiettivo di portare avanti una strategia di stabilità e pace in Sahel. La missione vede la collaborazione della Banca Mondiale, della Banca Africana di sviluppo, dell’Unione Africana ed dell’Unione Europea.

Nel suo intervento di presentazione della missione Ban Ki Moon ha dichiarato: «Siamo onorarti di annunciare questa importante missione delle Nazioni nel Sahel affiancati dal Dr. Jim Yong Kim, Presidente del World Bank Group, dal Dr. [Nkosazana] Dlamini-Zuma, Chairperson della African Union Commission, da Mr. Donald Kaberuka, Presidente della African Development Bank, e da Andris Piebalgs, Commissario per lo Sviluppo della Unione Europea. Sarà con noi anche il mio Inviato Speciale per il Sahel Professor Romano Prodi.

La visita congiunta partirà dal Mali e proseguirà in Niger, Burkina Faso e Chad. Il Sahel è una delle zone più povere e fragili del pianeta . In questo periodo l’anno scorso, il Mali era  in una gravissima crisi . Da allora, i nostri sforzi collettivi hanno contribuito a migliorare non solo la politica e di sicurezza in Mali, ma ci hanno anche permesso di affrontare alcune delle sfide più ampie della regione del Sahel. I tempi sono maturi per cominciare a operare a lungo termine su questi risultati iniziali.

Vorrei sottolineare tre motivi per cui questa visita è così importante.

In primo luogo , la crisi in Mali ha sottolineato la necessità di fare di più che non intervenire sulle emergenze. Dobbiamo intervenire perché si impedisca il nascere di nuovi conflitti e instabilità.

In secondo luogo, dobbiamo adottare un approccio regionale . Le sfide della regione non hanno confini – né dovranno averne le nostre soluzioni. Più di undici milioni di persone soffrono di insicurezza alimentare. Cinque milioni di bambini sotto i cinque anni sono a rischio di malnutrizione. La regione è inondata di armi ed è altamente vulnerabile alle reti terroristiche e criminali .

Il Sahel ha subito la sua terza grande siccità in meno di un decennio, e gli effetti del riscaldamento globale si fanno sentire come mai prima. Queste sfide non possono essere affrontate da nessun governo o organizzazione da sola .

Le questioni sono collegate e abbiamo bisogno di un approccio che integri i nostri sforzi.

La strategia integrata per il Sahel delle Nazioni Unite coordinata dal Professor Prodi, approvata dal Consiglio di sicurezza, fa proprio questo. Si mettono come priorità il buon governo, la sicurezza e la resilienza della gente. Si sottolineano i diritti umani e le opportunità per donne e giovani.Soprattutto, è ancorata al sostegno delle priorità dei governi e delle popolazioni della regione .

Questo è il terzo punto. I leader del Sahel si stanno unendo per affrontare le sfide in modo concertato .Hanno bisogno del nostro sostegno.

Stiamo insieme per ascoltare e agire. Siamo convinti che il ciclo della crisi nel Sahel può essere rotto e si può passare dalla fragilità alla sostenibilità . La pace non è sostenibile senza sviluppo – e lo sviluppo non è sostenibile senza pace. Il messaggio di questa visita, decisivo per tutto il mondo, è che la pace e lo sviluppo devono andare di pari passo».

 

 

Print Friendly
Condividi!

Dati dell'intervento

Data
Categoria
novembre 4, 2013
Comunicati