Il processo di pace Eritrea-Etiopia è prioritario per l’Europa

Il processo di pace fra Eritrea ed Etiopia è prioritario per l’Europa Articolo di Romano Prodi su Il Messaggero del 18 giugno 2018 Tra le tante guerre dimenticate che hanno insanguinato il mondo nella recente storia ce n’è una che noi italiani non avremmo mai dovuto dimenticare: il sanguinoso conflitto fra Eritrea ed Etiopia. Tra […]

In un’Europa divisa, è buon auspicio l’unanimità a Draghi

L’unità necessaria – La risposta di Draghi alle tensioni sull’euro Articolo di Romano Prodi su Il Messaggero del 16 giugno 2018 Nel 2012, nel pieno degli attacchi contro l’Euro, Mario Draghi, con un’affermazione ferma e sorprendente, aveva dichiarato che avrebbe fatto “tutto quanto era in suo potere” per proteggere l’economia e la moneta europea. La […]

La giravolta di Trump per fare naufragare il G7 e per separare Russia e Cina

Il naufragio del G7 – La giravolta di Trump per separare Russia e Cina Articolo di Romano Prodi su Il Messaggero del 11 giugno 2018 Nella mia lunga attività ho partecipato a ben dieci G7-G8.  Cinque come Presidente del Consiglio italiano e altrettanti come Presidente della Commissione Europea. Già a cavallo del secolo si percepivano […]

Tra Ue, Russia e Usa – Il baricentro da trovare per la nostra politica estera

Tra Ue, Russia e Usa/ Il baricentro da trovare per la nostra politica estera Articolo di Romano Prodi su Il Messaggero del 3 giugno 2018 In questi giorni si è molto discusso a proposito della politica economica del futuro governo e poco  invece di politica estera, pur essendo i due capitoli strettamente legati fra loro. […]

Il voto è sull’euro. E l’Europa senza Italia non va da nessuna parte

Si vota sull’euro – Senza di noi quest’Europa non può andare avanti Articolo di Romano Prodi su Il Messaggero del 30 maggio 2018 Solitamente, nei paesi che condividono il sistema proporzionale, le campagne elettorali polarizzano e dividono i cittadini e i partiti che, una volta chiuse le urne, vanno poi alla ricerca del compromesso necessario […]

I partiti populisti sono una via di fuga. Resta da vedere se saranno all’altezza

Romano Prodi: «I partiti populisti? Una via di fuga. Resta da vedere se saranno all’altezza» Un’intervistatrice nata negli Anni Ottanta. Un celebre intervistato nato negli anni Trenta. Dialogo tra due generazioni sulle ansie di oggi e sul futuro Intervista di Irene Soave a Romano Prodi su Il Corriere della Sera del 18 maggio 2018 Lei […]

I gesti unilaterali e offensivi di Trump mettono a rischio l’amicizia Europa-USA

Rottura sul nucleare  – L’Europa deve lasciare solo Trump sul dossier Iran Articolo di Romano Prodi su Il Messaggero del 13 maggio 2018 Sono passati cinque giorni da quando Trump ha annunciato il ritiro americano dal trattato sul controllo dell’armamento nucleare iraniano, firmato nel 2015 anche da Russia, Cina, Germania, Francia e Gran Bretagna. Tuttavia, […]

Iran: trattato a rischio se l’Europa non parlerà con una sola voce

Colloqui tra leader – Un dialogo Europa-Usa per limitare il rischio Iran Articolo di Romano Prodi su Il Messagero del 29 aprile 2018 Nell’Europa non ancora unita abbiamo costantemente assistito alla nobile gara per diventare l’interlocutore privilegiato, e quindi il figlio prediletto, degli Stati Uniti d’America. Competizione vinta, per molti anni e senza particolari difficoltà, […]

Merkel-Macron: ognuno per sé e l’Europa aspetta

Frena anche Merkel – L’Europa mai nata promessa da Macron Articolo di Romano Prodi su Il Messaggero del 22 aprile 2018 Quando un anno fa Emmanuel Macron vinse le elezioni in Francia si aprì un periodo di speranza per tutti coloro che credevano nel futuro dell’Europa, dato che tutta la sua campagna elettorale era stata […]

Un compromesso fra globalizzazione e diversità politiche per fermare la guerra dei dazi

Guerra dei dazi: un negoziato per superare i veti Usa-Cina Articolo di Romano Prodi su Il Messaggero del 18 aprile 2018 È  sufficiente un dato per capire la centralità della Cina e dell’Asia nell’economia globale: il 30% della crescita mondiale viene dalla Cina e un altro 30% dal resto dell’Asia. Facile quindi prevedere che, se […]