Serve cooperazione mondiale per sviluppare la pace e la sicurezza in Africa

AFRICA: PRODI, SERVE COOPERAZIONE MONDIALE 
 
(ASCA) – Roma, 7 ott – Per risolvere i problemi dell’Africa ”serve cooperazione mondiale”. Cosi’ l’ex Premier Romano Prodi, presidente del Comitato Onu-Ua sulle azioni di peace-keeping, intervenendo al convegno ‘Garantire la pace la sicurezza in Africa’ che ha avuto luogo oggi alla Farnesina.

”Deve cambiare registro con cui affrontiamo i problemi africani”, ha dichiarato Prodi aggiungendo che e’ necessario ”sviluppare un’architettura di pace e sicurezza in Africa per costituire nel lungo periodo una capacita’ africana di peacekeeping”. Manca, secondo il presidente del Comitato Onu-Ua, un approccio ”collettivo” che assicuri la stabilita’ a lungo periodo nel continente e questo perche’ vige ancora un approccio ”bilaterale”.

Quello dell’Africa, per Romano Prodi, e’ proprio ”il problema dell’unita’ del continente” e della mancanza di una collaborazione tra i diversi Paesi africani. In tal senso ”c’e’ bisogno dell’Unione europea, con tutti i suoi limiti,” perche’ puo’ dare un esempio di come passare dal bilateralismo al ”multilateralismo”.

Prodi infine ha ricordato la propria esperienza nell’ambito dei vari G8 a cui ha partecipato in qualita’ di premier e di presidente della Commissione europea: ”E’ vero che il G8 ha sempre portato i problemi dell’Africa al centro dei colloqui ma con un approccio bilaterale” e non a livello di continenti. ”Ho avuto un rimorso – ha ammesso – perche’ al G8 successivo si doveva ripartire da quello precedente”.

Infine Prodi ha ribadito la necessita’ di ”rafforzare il rapporto tra Ue ed Onu, perche’ la pace e la guerra sono nelle mani delle Nazioni Unite” e di rafforzare le relazioni tra Unione Africana ed Onu visto che e’ indispensabile il ruolo dell’Ua ”con tutta la sua debolezza, ma anche con la sua grande forza”.

Print Friendly
Condividi!

Dati dell'intervento

Data
Categoria
ottobre 7, 2009
Notizie