Prodi: l’ipotesi che si sciolga l’Euro è pura fantasia

(ECO) Euro: Prodi, ipotesi scioglimento “e’ fantasia”

(Il Sole 24 Ore Radiocor) – Milano, 29 nov – “Problemi ne avremo ancora in futuro, ma l’idea che si sciolga l’euro e’ fantasia, anche perche’ chi ha piu’ goduto dell’euro sono i tedeschi”. Cosi’ si e’ espresso l’ex premier Romano Prodi in merito all’euro, sottolineando che la riunione del Consiglio europeo “mi ha dato ragione“.

Interpellato a margine di un convegno sull’energia presso la sede della Bpm a Milano, Prodi ha poi voluto precisare che “prima dell’euro, gli italiani, i francesi, tutti svalutavano e la Germania non aveva alcun attivo nella bilancia commerciale. Oggi ha un attivo piu’ grande di quello cinese”.

(ECO) Euro: Prodi, ipotesi scioglimento “e’ fantasia” -2-

(Il Sole 24 Ore Radiocor) – Milano, 29 nov – In merito alle possibili speculazioni che ci potrebbero essere nei confronti dell’Italia a fronte della crisi, Romano Prodi ha commentato: “Credo che abbiamo gia’ fatto un passo in avanti. La crisi era lunga, difficile, dura. Non la risolvi in un giorno.

Ieri – ha aggiunto l’ex premier – abbiamo fatto un passo in avanti. Bisogna riprendere una coscienza collettiva del problema. Se c’e’ questa, la speculazione si ferma perche’ nessuno e’ piu’ grande di una reazione unita dell’intera Europa”. Secondo Prodi quando l’Italia e’ entrata nell’euro “aveva un debito molto forte, si sapeva benissimo che debito era, io l’ho fortemente diminuito. Non siamo in una situazione diversa da quella in cui siamo entrati. Questo mi rende tranquillo”.

Per quanto riguarda l’invito fatto dal governo tedesco a coinvolgere anche i privati nell’azione di risanamento, Prodi ha commentato che e’ “una posizione intellettualmente giusta perche’ il cosiddetto azzardo morale deve essere tenuto a freno”, e ha aggiunto che pero’ “non si puo’ buttar li la proposta senza gli aspetti tecnici, senza capire le conseguenze immediate che avra’”.

Print Friendly
Condividi!
Nessun tag per questo post.

Dati dell'intervento

Data
Categoria
novembre 29, 2010
Notizie

Tags