Una nuova legge elettorale che rispetti la volontà popolare

Prodi: “Urgente la riforma elettorale, la volontà popolare è stata massacrata”

Articolo su La Repubblica del 20 maggio 2012

Duro intervento dell’ex presidente del consiglio al convengno degli “ulivisti” del Pd: “Dobbiamo recuperare sovranità all’interno del nostro Paese”

In materia di legge elettorale la volontà dei cittadini è stata “massacrata” dai partiti. A dirlo è Romano Prodi, che si chiede cosa si aspetti ancora per fare la riforma.

“Serve – ha detto l’ex presidente del consiglio, intervenuto a Bologna all’incontro “Democrazia? Democrazia!” organizzato dagli ulivisti del Pd – una legge elettorale che ci faccia riaquistare sovranità. Abbiamo una sovranità limitata all’esterno”, ma c’è anche un problema di sovranità all’interno, come “capacità di definire il potere all’interno del paese”.

Prodi ha fatto l’esempio di Francia e Grecia: “I risultati al primo turno – ha notato – sono stati abbastanza analoghi, con la polarizzazione verso le ali, ma con leggi elettorali diverse la Francia è poi arrivata ad avere un presidente che la può rappresentare, mentre la Grecia deve tornare alle elezioni. A questo serve la legge elettorale“.

“In italia – ha accusato – la storia dei referendum ripetutamente vinti e della volonta dei cittadini massacrata dal sistema dei partiti è una delle cose più tragiche del nostro paese”.

“Che cosa si aspetta – ha concluso – per tenere conto della volontà popolare e della necessità di recuperare sovranità? Non è sufficiente la dissoluzione del sistema di oggi?”.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi!

Dati dell'intervento

Data
Categoria
maggio 20, 2012
Notizie