Servizio Civile obbligatorio: un aiuto ai giovani ed alla coesione sociale

Romano Prodi: “Il Servizio Civile sia obbligatorio”

Articolo su Articolo su ArticoloTre del 9 febbraio 2012

”Ai nostri ragazzi serve un servizio civile aperto a tutti, e se per farlo l’unica strada è renderlo obbligatorio, facciamolo”. Ne è convinto l’ex presidente del consiglio Romano Prodi che, dalle colonne del settimanale Vita in edicola da domani venerdì 10 febbraio, invita l’attuale premier Mario Monti a fare sua questa battaglia.

Il 19 gennaio i progetti legati al bando del Servizio Civile Nazionale Volontario del 2011 sono stati sospesi. A prendere questa decisione è stato il Tribunale del Lavoro di Milano, che ha accolto il ricorso di Shahzad Sayed, un giovane pakistano ventiseienne che si era visto escludere dal bando perché straniero anche se vive in Italia da quindici anni. I ragazzi vincitori del bando pronti a partire per il Servizio Civile sono stati messi subito in allarme, ma la decisione non era definitiva: mancavano, e mancano tuttora, molti gradi di giudizio.

Parla Romano Prodi – “Ai nostri ragazzi serve un servizio civile aperto a tutti, e se per farlo l’unica strada è renderlo obbligatorio, facciamolo”. Ne è convinto l’ex presidente del consiglio Romano Prodi che, dalle colonne del settimanale Vita in edicola da domani venerdì 10 febbraio, invita l’attuale premier Mario Monti a fare sua questa battaglia: “Sarebbe un’operazione che io vedrei molto positivamente – dice Prodi – perchè sarebbe qualcosa che andrebbe ad impattare in profondità sul nostro tessuto sociale“.

“Mai come in questo momento i nostri ragazzi hanno la necessità di avere la possibilità di mettersi al servizio delle persone e del loro territorio” continua l’ex premier sul settimanale del non profit, che in occasione di questa intervista esclusiva lancia anche il “Manifesto per un servizio civile universale”. “Ormai nelle giovani generazioni lo scoramento ha raggiunto livello preoccupanti” e – secondo Prodi – il servizio civile offre una grande possibilità di contrastare questa deriva. “La capacità di confrontarsi con problemi e strutture diverse da quelle a cui siamo abituati che offre il servizio civile è un grandissimo valore aggiunto”, conclude Prodi, invitando tutti “a rendersi conto che questo è davvero un aiuto ai giovani e alla coesione sociale”.

Print Friendly
Condividi!

Dati dell'intervento

Data
Categoria
febbraio 9, 2012
Notizie