Africa: solo la democrazia può garantire la prosperità

AFRICA: PRODI, SOLO DEMOCRAZIA PUO’ GARANTIRE PROSPERITA’
CONFERENZA INTERNAZIONALE A WASHINGTON, NUOVE SFIDE CONTINENTE

Articolo di Cristiano del Riccio per ANSA

(ANSA) – WASHINGTON, 16 GIU – ‘Solo il raggiungimento di istituzioni democratiche puo’ garantire prosperita’ a lungo termine ai paesi dell’Africa’. Lo ha detto a Washington Romano Prodi, presidente della Fondazione per la Collaborazione tra i Popoli, che ha organizzato mercoledi’ e giovedi’ a Washington una conferenza internazionale sull’Africa intitolata ‘Africa, 53 Countries One Union – The New Challenges‘.

La conferenza, che e’ organizzata anche dal Woodrow Wilson International Center for Scholars e dalla SAIS John Hopkins University, segue di un anno un analogo evento tenuto nel maggio 2010 a Bologna.

Lo scopo della conferenza e’ quello di esaminare come meglio aiutare e sostenere il processo verso una possibile unita’ del continente africano, anche alla luce dei nuovi fermenti della ‘primavera araba‘.

‘E’ questo un tempo di crisi e di instabilita’ per l’Africa soprattutto nel nord come conseguenza della ‘primavera araba’ – ha detto Prodi – Ma in Egitto dopo la primavera potrebbe giungere l’inverno’.

Prodi ha detto che ‘solo una politica di integrazione economica puo’ risolvere alcuni dei problemi piu’ importanti dell’Africa’.

‘L’Unione Africana puo’ avere un ruolo importante nel contribuire alla stabilita’ dell’Africa – ha aggiunto Prodi – ma questa organizzazione deve mostrare una maggiore trasparenza nel modo in cui gestisce i fondi’.

L’attenzione della conferenza e’ concentrata su tre punti che potrebbero promuovere il cammino verso la unita’.

In particolare:

  1. Pace, sicurezza e democrazia.
  2. Commercio come potente fattore di integrazione economica tra gli stati.
  3. Infrastrutture a carattere regionale e continentale.

L’assunto da cui trae origine la conferenza e’ che la frammentazione politica ed economica dell’Africa deve essere superata se si vogliono ottenere obiettivi quali maggiori tassi di sviluppo, prosperita’ economica e una pace durevole.

Tra i partecipanti alla conferenza figurano, oltre a Romano Prodi, il sottosegretario generale dell’Onu Susanna Malcorra e il presidente del Malawi Ngwazi Bingu wa Mutharika. Jane Harman, presidente del Woodrow Wilson Center, ha sottolineato a sua volta che negli ultimi sei mesi l’Africa e’ balzata al centro della scena mondiale grazie alla ‘primavera araba’. ‘Ma le conseguenze di questo fenomeno sono ancora imprevedibili’, ha osservato la Harman.

Print Friendly
Condividi!

Dati dell'intervento

Data
Categoria
giugno 16, 2011
Interviste