Siamo turbati dalla nuova politica americana

Usa-Iran: Prodi, turbati da nuova politica americana

(AGI) – Bologna, 3 feb. – “Certamente siamo un po’ turbati da questa nuova politica americana che rompe molti dialoghi e colpisce direttamente il campo su cui stiamo lavorando nell’ambito della cosiddetta diplomazia della scienza che punta alla cooperazione tra scienziati, politici e diplomatici”: lo ha detto l’ex premier Romano Prodi, nelle ‘vesti’ di presidente della Fondazione per la Collaborazione dei Popoli che ha organizzato a Bologna una serie di incontri inseriti nell’iniziativa “Diplomazia della Scienza“.

Il Professore, riferendosi alle politiche del nuovo presidente Usa, Donald Trump, ha ricordato dopo l’accordo con l’Iran sul nucleare la tensione che e’ arrivata proprio ieri tra Gli Stati Uniti e l’Iran. “Evidentemente – ha osservato Prodi a margine di un incontro sulle grandi epidemie organizzato dalla sua Fondazione – portare qui scienziati iraniani e americani diventera’ piu’ difficile. Pero’ in altri campi precediamo bene e il dialogo da’ frutti” .

Al centro del prossimo appuntamento (il 16 febbraio) ci sara’ proprio l’accordo sul nucleare siglato dall’Iran con la comunita’
internazionale. Il tema della “Diplomazia della Scienza” scelto dalla Fondazione per la Collaborazione dei Popoli come filo conduttore di quattro incontri su diversi argomenti “e’ importantissimo – ha spiegato Prodi – perche’ viviamo in un mondo in cui la politica e la scienza vanno per conto loro.

Come abbiamo visto nel caso della strategia comune contro le grandi epidemie, occorre un rapporto strettissimo tra le autorita’ statuali, gli scienziati, i comitati, le commissioni e gli organi decidenti. Il rapporto tra i questi gruppi e’ difficile ma e’ assolutamente produttivo.

Ad esempio il trattato internazionale sul nucleare iraniano di importanza vitale ha avuto gli scienziati come protagonisti. Quindi il rapporto tra gli stessi scienziati, i politici e i diplomatici diventa – ha concluso Prodi – condizione necessaria per la pace. In pochi hanno studiato questo tema ed infatti stiamo avendo una risposta molto buona da tante parti che non ci aspettavamo” . (AGI) Bo1/Ari 031444 FEB 17 NNNN


Roberta Zampa

Print Friendly
Condividi!

Dati dell'intervento

Data
Categoria
febbraio 3, 2017
Notizie