Prodi: senza Italia non esiste l’euro. La moneta unica è vicina al precipizio ma si salverà

Prodi: senza Italia non esiste l’euro. La moneta unica è vicina al precipizio ma si salverà

Articolo su Il Sole 24 Ore del 14 settembre 2011

L’euro senza l’Italia non può esistere. Certo si arriverà sull’orlo del precipizio ma poi tutto verrà sistemato. Così Romano Prodi, ex presidente del consiglio e della Commissione europea, ha fotografato il momento drammatico dei mercati finanziari nell’intervento alla rete pubblica cinese Cctv2, durato oltre due ore. Prodi, a Pechino per incontri al massimo livello con l’establishment cinese, ha partecipato a Dialogue, il programma della televisione cinese più prestigioso e ascoltato dalla comunità economica e politica.

Un programma che, in passato, ha avuto come ospiti personaggi dal calibro di Warren Buffett, Hillary Clinton, George Soros. Prodi ha risposto alle domande del conduttore e degli ospiti, esponenti di spicco della società cinese. La Cina ha bisogno dell’Europa, ha detto Prodi nel lungo discorso tenuto parlando inglese, e la sconfitta dell’euro sarebbe dannosa per i cinesi. Per questo Pechino farà di tutto perché non accada e io sono ottimista.

D’altra parte, ha proseguito Prodi, se i cinesi credono nell’euro devono credere nell’Italia. Per questo i tassi d’interesse dei Btp sono elevati e interessanti: investire in titoli di Stato italiani è come investire sull’Europa. Le ragioni per cui farlo sono economiche e politiche. I cinesi hanno tutto l’interesse a spostare parte dei loro investimenti nell’area dell’euro. Lo hanno fatto e continueranno a farlo. Purtroppo, sempre secondo Prodi, i prossimi passaggi dell’integrazione europea avverranno più con la paura che con il cuore, «mentre io, Chirac, Kohl l’abbiamo fatto con il cuore». Infine, un passaggio dell’intervento ha riguardato le polemiche italiane. Questa mattina gli esponenti di un partito populista italiano mi hanno accusato di voler vendere l’Italia alla Cina, ha dichiarato il professore respingendo le accuse, aggiungendo che movimenti politici del genere ci sono sempre stati e ci saranno anche in futuro. (Radiocor)

Print Friendly, PDF & Email
Condividi!
Nessun tag per questo post.

Dati dell'intervento

Data
Categoria
settembre 14, 2011
Notizie

Tags