Cambiamenti impressionanti per portare la Cina verso una nuova normalità

Piano quinquennale – Spesa e deficit la ricetta di Pechino contro la crisi

Articolo di Romano Prodi su Il Messaggero del 12 marzo 2016

Ogni anno, nella prima metà di marzo, si tengono a Pechino due importanti riti della politica cinese. L’Assemblea Nazionale del Popolo e l’Assemblea Consultiva sono infatti l’unico momento nel quale viene presentato il quadro completo della situazione economica e politica del paese. Quest’anno, in particolare, viene discusso ed approvato il tredicesimo piano quinquennale, con tutti i suoi parametri e tutti i suoi obiettivi.

Nonostante questo la discussione non è stata fino ad ora molto eccitante. Ben pochi, se non fosse per i blocchi di traffico che rendono ancora più complessa la già difficile circolazione di Pechino, si sono resi conto dell’importanza della riunione in corso, destinata a formalizzare le più importanti decisioni dell’economia di un paese che, pur con le presenti difficoltà, è responsabile per quasi un terzo della crescita di tutta l’umanità. Penso che questo derivi anche dal fatto che le autorità cinesi hanno descritto la presente fase della loro economia con uno slogan che non potrebbe essere meno eccitante. Il percorso dei prossimi cinque anni viene infatti battezzato come “una nuova normalità“.

Questo per indicare un percorso ritenuto realistico ma ben lontano dallo sviluppo a due cifre che era caratteristico della recente storia cinese. In un certo senso tutto questo era atteso perché non si può pensare che un paese ormai arrivato a un medio livello di sviluppo possa continuare a correre al ritmo che teneva quando era in una situazione di estrema povertà.

Si tratta tuttavia di una meta ancora molto ambiziosa perché fissa la “normalità” ad un livello di crescita tra il 6,5 ed il 7% all’anno. Livello non certo trascurabile perché in grado di offrire dieci milioni di nuovi posti di lavoro all’anno, accelerando, nello stesso tempo, la produttività e il progresso tecnico.

Tutto questo mentre le ultime statistiche offrono dati non confortanti: nel mese di febbraio le esportazioni sono calate del 25% e le importazioni di oltre il 12%, mentre è continuato l’esodo dei capitali, preoccupati per una possibile svalutazione dello yuan. Per questo motivo il discorso del Primo Ministro Li Keqiang, che ha accompagnato l’illustrazione del piano quinquennale, contiene un sostanzioso elenco di misure keynesiane volte a sostenere la crescita, l’occupazione e a fornire incentivi per la modernizzazione del sistema produttivo. Ne risulta una robusta politica di spesa, una politica monetaria espansiva e, di conseguenza, un aumento del deficit di bilancio.

I documenti di accompagnamento del piano quinquennale, redatti dalle varie commissioni specializzate, entrano naturalmente nei dettagli ma con un accento particolare ed insistito sull’aumento dei consumi. L’aumento dei consumi appare il pilastro fondamentale della nuova fase dell’economia cinese. Viene addirittura indicato un aumento delle vendite al dettaglio dell’11% già nel corso del 2016,  con una domanda stabile nell’edilizia e nell’auto ma crescente nei nuovi settori come l’internet, il turismo ( vengono persino menzionati gli yacht e gli aerei privati), la ricerca scientifica e i servizi alle imprese.

Un ruolo determinate per lo sviluppo futuro viene naturalmente affidato ad un’ accelerazione del trasferimento dalla campagna alla città di cento milioni di persone nel ristretto periodo di validità del Piano. Collegato a questo si prevede un aumento dei sussidi, e quindi del potere d’acquisto delle popolazioni rurali e delle categorie più disagiate, a favore delle quali è anche previsto un netto aumento quantitativo dell’offerta educativa e sanitaria. Si affiancano a queste proposte specifici progetti di investimenti pubblici, tra i quali primeggia la costruzione di 11.000 chilometri di Alta Velocità ferroviaria che si aggiungeranno, entro il 2020 ai 19.000 già esistenti. Quindi tanta spesa in più per sostenere l’economia e per correggere almeno un poco gli squilibri esistenti.

Tutto questo comporta naturalmente un aumento del deficit, che passerà dal 2,4 al 3%. Aumento che viene definito “moderato ed affrontabile” dal ministro delle finanze. Come si vede anche in questo caso si adotta la nuova terminologia di basso profilo, che appare il messaggio dominante che esce in questi giorni dall’aula dell’Assemblea Nazionale.

Tutto appare semplice ma si tratta di un processo di trasformazione di enorme portata, che comporta anche un colossale taglio della capacità in eccesso di molti settori industriali. Operazione che viene affidata soprattutto alle province ma che appare molto problematica: in primo luogo perché esse sfuggono spesso da ogni controllo e, in secondo luogo, perché il ridimensionamento delle grandi imprese pubbliche appare difficilmente compatibile con la decisione del governo di trasferire alle loro dipendenze 300.000 lavoratori che si troveranno disoccupati per effetto della ristrutturazione organizzativa dell’esercito cinese.

Il cammino verso questa nuova “normalità” si presenta quindi molto complesso perché gli squilibri generati dalla lunga crescita impetuosa sono tali da richiedere ancora cambiamenti impressionanti. Non è infatti sostenibile una situazione per cui, come viene ripetuto continuamente in questi giorni, la Cina ha prodotto più cemento in tre anni che gli Stati Uniti nell’intero secolo scorso. E scompensi simili valgono per tanti altri settori, a partire dall’acciaio.

Auguriamoci quindi che questa nuova normalità sia davvero raggiunta perché questa è la condizione necessaria per avere un mondo “normale”.

Print Friendly
Condividi!

Dati dell'intervento

Data
Categoria
marzo 13, 2016
Articoli, Italia