Prodi: criticate le Primarie finché volete, ma sono un grande segno di civiltà democratica

PD, Prodi: Non vorrei che un giorno dovessimo rimpiangere Primarie

(DIRE) Bologna, 14 gen. – “Si criticano finche’ si vuole le primarie, pero’ quando viene data la possibilita’ alla gente di esprimersi, e’ un grande segno di civilta’ democratica esprimersi. Perche’ dopo si possono rimpiangere questi momenti di democrazia anche se imperfetta. Non vorrei che poi un giorno venissero a mancare”. Lo ha detto Romano Prodi oggi pomeriggio a Bologna a margine della presentazione di un libro, rispondendo alle domande dei cronisti in vista delle primarie per la scelta del candidato sindaco del centrosinistra per il capoluogo emiliano (si vota il 23 gennaio).

Un messaggio di augurio ai tre sfidanti in vista delle primarie a Bologna? “Che vinca il migliore e che partecipi molta gente, non c’e’ mica altro da dire” risponde Prodi. E come giudica questa compagna elettorale, com’e’ stata, corretta? Prodi sorride e schiva la domanda: “Domani vado a Pechino, vediamo”, dice prima di allontanarsi a braccetto con Massimo Ponzellini, presidente della Bpm.

(Pir/ Dire) 19:53 14-01-11

Print Friendly
Condividi!

Dati dell'intervento

Data
Categoria
gennaio 14, 2011
Notizie