Prima del tradimento dei 101 ho avvertito Bersani: “Attento, conosco la nobiltà del casato”

Prodi al Centre International de Conférence de Bamako il 19 aprile 2013

Prodi: «Da una telefonata con D’Alema capii che non sarei salito al Colle»

Intervista di Alan Friedman a Romano Prodi su il Corriere della Sera del 2 ottobre 2013

È il giorno più lungo di Romano Prodi. Quel venerdì 19 aprile del 2013, il Professore si sveglia intorno alle 7 nella sua camera dell’hotel Laico L’Amitié a Bamako, capitale del Mali, e ancor prima di prendere un caffè legge un sms della sua portavoce, l’onorevole Sandra Zampa, che riporta un momento «commovente» al teatro Capranica di Roma, in cui si sono alzati in piedi quasi tutti per «una standing ovation» alla sua nomina per il Quirinale, appena lanciata da Pierluigi Bersani.

È il giorno del quarto scrutinio nella tormentata votazione. Il giorno in cui il Pd si è spaccato, facendo perdere a Prodi la Presidenza della Repubblica per una mancanza di 101 voti. Ed è anche il giorno delle recriminazioni, delle dimissioni di Pierluigi Bersani e delle forti smentite da parte di Massimo D’Alema, accusato di aver ispirato i franchi tiratori all’interno del Pd ad affondare Prodi.

D’Alema ha sempre smentito qualsiasi complotto. Ma stando alla testimonianza di Prodi, intervistato per un mio nuovo libro («Ammazziamo il Gattopardo», che uscirà con Rizzoli all’inizio del 2014) non c’è più bisogno di cercare i franchi tiratori, di interrogarsi su quanti dalemiani abbiano votato contro Prodi. Perché per Prodi la situazione era palese nel momento in cui ha parlato al telefono con Massimo D’Alema, da Bamako, intorno all’ora di pranzo di quel fatidico 19 aprile.

A Roma, Bersani ha già annunciato verso le 9 di mattina la nomina di Prodi ai grandi elettori del Pd. A Bamako Prodi è in missione, nella veste di Inviato Speciale per il Sahel del Segretario-Generale dell’Onu, Ban Ki-moon.

Quella mattina Prodi telefona ai suoi collaboratori storici, Arturo Parisi e Sandra Zampa, per capire cosa è successo. «Mi hanno confermato la standing ovation, poi però abbiamo riflettuto che era opportuno fare alcune telefonate», ricorda Prodi.

La prima telefonata che Prodi fa da Bamako («Perché i rapporti personali») è a Stefano Rodotà. E poi chiama D’Alema. È l’intervallo del convegno a Bamako, e quindi Prodi si allontana dall’aula del Palazzo dei Congressi per parlare con Roma. E sente una sensazione quasi surreale, nell’oscillazione di temi e circostanze tra Bamako e Roma. A Bamako, ricorda Prodi «stavamo parlando proprio dei problemi molto forti che vi erano in quel momento, quindi per una ragione importante anzi molto importante. Tutto questo è avvenuto nell’intervallo, se ben ricordo erano le 11 e mezzo a Bamako quindi un paio d’ore prima, l’una e mezzo dell’Italia, insomma… ora di pranzo in Italia. Ho telefonato a Marini, mi ha detto “tutto bene, tutto tranquillo”». Marini fa gli auguri a Prodi.

Poi c’è la telefonata con Massimo D’Alema. Prodi ricorda senza esitazione la telefonata: «Mi ha detto: “Benissimo, tuttavia queste decisioni così importanti dovrebbero essere prese coinvolgendo i massimi dirigenti”. Cioè facendone, come si fa sempre in questi casi, una questione di metodo e non di merito. E quando ho ascoltato questo ho messo giù il telefono, ho chiamato mia moglie e le ho detto “Flavia vai pure alla tua riunione perché di sicuro Presidente della Repubblica non divento”». Da Bologna, al telefono con suo marito, Flavia Prodi capisce subito e accantona l’idea di partire per Roma. Invece va alla sua riunione scientifica alla Biblioteca dell’istituto linguistico di Bologna. Dopo la telefonata con D’Alema, Prodi non ha dubbi. Per lui tutto è chiaro nel momento in cui Massimo D’Alema ne fa un problema di metodo.

(… )  Leggi l’articolo integrale sul Corriere della Sera

 

Print Friendly
Condividi!

Dati dell'intervento

Data
Categoria
ottobre 2, 2013
Interviste