Il PD ha dentro di sè l’idea dell’Ulivo. Senza l’unità dei riformismi l’Italia non si salva.

ad una assemblea del PD

ad una assemblea del PD

Prodi: «Pd ultima speranza per l’Italia»
E svela un retroscena su Mastella
«Mi disse: “Se volete far fuori me, io faccio prima fuori voi”»

su Il Messaggero del 15 marzo 2009

ROMA (15 marzo) – «Il Pd ha dentro di sè l’idea dell’Ulivo. Deve andare avanti. Bisogna scommetterci. Senza l’unità dei riformismi l’Italia non si salva. È l’ultima speranza che abbiamo». Romano Prodi parla del suo Pd dopo il rinnovo della tessera e sgombra ogni dubbio sulla possibilità di diventare presidente della coalizione. «Quando ho detto che uscivo dalla vita politica ero serio» ha detto l’ex premier alla trasmissione di Rai Tre Che tempo che fa ricordando che in passato il Belgio gli offrì « di fare il capo lista alle Europee».

E poi svela un retroscena su Clemente Mastella, durante gli ultimi giorni del suo governo, all’indomani dell’annuncio di Walter Veltroni di lanciare il Pd in un’eventuale corsa elettorale da solo. «Non ebbi bisogno di pensare – ha affermato Romano Prodi, alla domanda di Fazio su quale fu la sua reazione alla decisione di Veltroni -. Si affacciò Mastella nel mio ufficio e mi disse: “Se volete far fuori me, sono io che faccio prima fuori voi“». Sorridente, l’ex Presidente del Consiglio ha quindi aggiunto: «Mastella per la verità usò una frase un po’ più colorita».

«Pd lavori su forma democratica interna». Il Pd, spiega Prodi, dovrà lavorare sulla ricerca di una forma di democrazia interna, riconoscendo che proprio questa carenza è stato uno dei problemi di tutta la politica italiana. «Di partiti democratici – ha affermato – non se ne vedono mica tanti. Io faccio critiche in casa mia perché è doveroso, ma se guardo da altre parti la forma partitica italiana è stata ridotta in uno stato miserabile. E senza partiti non si fa politica. Il partito è uno strumento per fare politica».

Quattro i filoni di lavoro. Oltre alla ricerca di una forma democratica interna, la coagulazione dei riformismi italiani (superando definitivamente – ha detto – la logica di guelfi e ghibellini), l’interpretazione dei dolori del Paese in questa fase di crisi economica, rilanciare la giustizia sociale e il rilancio dei giovani.

Vai alla pagina Rai.TV per vedere la registrazione della puntata

Ottimista su risoluzione crisi. Per arrivare alla ripresa dell’economia «ci vorranno ancora molti mesi» ma Prodi è «ottimista» considerando la reazione immediata di governi come Usa e Cina, reazione che differenza l’attuale crisi con quella del ’29. quando «i governi tardarono tre anni per capire che cosa succedeva». L’ex presidente del Consiglio si è rallegrato che ora anche la Cina sia stata ammessa ai vertici internazionali.

Su Eluana «basta urla». Sui temi controversi dell’etica, come quelli sollevati dalla recente vicenda di Eluana Englaro, Prodi ha invitato la politica a riappropriarsi dei tempi, anche lunghi, per la discussione e per l’elaborazione di una posizione comune, evitando risposte immediate e gridate. «Io credo – ha detto – che dobbiamo avere il tempo per elaborare queste cose, soprattutto sui temi etici su cui in questi anni è stata creata continuamente una tensione immediata».

Print Friendly, PDF & Email
Condividi!

Dati dell'intervento

Data
Categoria
marzo 16, 2009
Italia